Featured Posts

joi, 12 noiembrie 2009

Un voto per un blog...




Un po di tempo fa sono stata invitata a partecipare ad un concorso. Il tema: cucina un piatto per una famiglia che non superi 15,75 euro circa. Il concorso organizzato da una rete d'ipermercati (MegaImage) mi e piaciuto e sono entrata a partecipare anche perche proponeva di fare qualcosa che si fa subito, pero si fa in casa e cioe ci alimenta molto piu sano dei soliti cibi comprati quasi fatti o gia fatti negli ipermercati. Io ho cucinato miniquiches con legumi, pangasius con mele e un dolce finissimo con limone, cioe un piatto completo. Le ricette ve le tradurro e le mettero qui.

Se tutto cio che avete trovato qui vi e piaciuto e vi e stato utile vi prego a dare un voto qui: vreaucevabun.ro

Per poter votare dovete fare un conto in questo sito. 




Il festival dei blog golosi
Qui mi sono iscritta pur per curiosita. Partecipo nella sezione "dolci diversi" dove troverete "Aventuri Culinare" tra i blog iscritti. Un voto vostro sara apprezzatto. Grazie.


read more...

vineri, 6 noiembrie 2009

Couscous con "drob" di carne - Contrasti orientali alle porte dell'Europa



C'e stato una volta. Un imperatore romano e una donna che hanno desiderato di costruire la piu grande cattedrale del loro tempo. Ed e stata fatta la S. Sofia. Secoli piu tardi, l'Impero Romano dell'Est si e spento sotto le bandiere ottomane. Bene o male? La storia non la dice mai. Lei costruisce attraverso mille anni delle cose che non possono essere viste del momento che siamo noi come esseri.
La storia costruisce goccia a goccia pure come le donne arabe che dalla farina di semolino fanno migliaie di chicchi minuscoli in un tempo gigantesco. E da dove tutta questa filosofia sulla tema di un alimente antico? Cosi, per farne una chiccherata su di una cosa cosi comune, ma alla fine cosi sconosciuta.






Il couscous vero fatto delle donne arabe ha ne piu ne meno di 1 millimetro in diametro. E solo tanto grande! E questo nella sua forma finale. Sembra un piccolo grano di sabbia. Le donne prendono la farina di semolino, mettono un po d'acqua e lavorano l'impasto formando piccoli tubetti che poi vengono seccatti al sole. Poi sfarmano tutto a piccoli pezzi e ripetono a fare cose. Il vero couscous passa per il settaccio. Solo se e finissimo e considerato buono. Nei nostri giorni il lavoro cosi lungo e duro delle donne arabe e stato preso dalle macchine che fanno il couscous automaticamente. Ma in verita la creativita e la perseverenza di queste donne rimane da ammirare.
L'Europa Centrale ha scoperto il couscous solo verso alla fine del secolo XVI. I siciliani lo conoscevano sin dai tempi dei berberi e gia nel Medio Evo il couscous era un cibo di base nei loro piatti. L'oriente giocava con degli aromi esotici nei loro piatti pieni pieni di couscous, gli spagnoli avevano insegnato cos'e questa faccenda dai mauri. I romeni pero l'hanno preso dai turchi. Io invece ho aggiunto una faccenda pur romena: il "drob" di carne. Il drob e un mix di carne con legumi, pero la sua storia ve la diro in un'altro post. E cosi, con questo couscous mio siamo tornati nella storia di nostri giorni, al ritmo del grano minuscolo di couscous cosi comune e purtroppo cosi misterioso ancora.


Ingredientie:
300 gr couscous
500 gr funghi champignon freschi, non conservati
2 carotte
200 gr piselli
100 gr chicchi di granturco dolce
600 gr carne maccinata
100 ml olio
1 uova
3 patate
3 chicchi di alio
1-2 cucchiai di pasta di pomodori oppure paprika dolce
100 gr parmiggiano
3 linguri pangrattato
sale, pepe, condimenti al piacimento (per un gusto piu orientale provate il chilli, curry, lo zafferano)

Come si fa?
1. Fai bollire il couscous e appena e fatto "al dente" prendilo fuori e fallo passare sotto un po d'acqua fresca;
2. fai grattuggiare le patate e mix con la carne, il pangrattato, l'uova e metti condimenti al piacimento; metti la carne in una teglia che hai coperto di un po d'olio e pangrattato; puoi mettere sopra la carne un tuorlo d'uova e qualche pezzettini di burro per formare nel forno una crosta croccante e buona; fai cuocere nel forno finche la carne e fatta;
3. in una pentola metti un po d'olio (di olive e il meglio), aggiungi i legumi bollite un po prima e soffrigette per un po; aggiungi il couscous e il parmiggiano, metti i condimenti e fa soffriggere per ancora qualche minuti finche il parmigiano e sciolto.

Buon appetito!
read more...

vineri, 30 octombrie 2009

Torta della strega - Magia dolce di tutti santi


Il compleanno della strega... o il giorno di tutti santi?  Un giorno una dolce ragazza e diventata una strega pur per l'amore di un mago che solo la stuzzicava senza amarla pero... quel giorno e diventato Halloween. O prendiamola a modo diverso... Un giorno, tutti i santi hanno deciso di farsi una festa. E perche no? Stavano lassu da tanto tempo che nemmeno si ricordavano quanti anni c'erano insieme e si eranno forse un po annoiati. E cosi hanno deciso di invitare tutti gli spiriti, mettergli insieme e festeggiare. Pur nella notte in cui l'autunno viene cambiato dall'inverno e in cui il male si da una nuova battaglia col bene. La gente ha sentito che lassu qualcosa succede ed e iniziata ad accendere delle candele, a portare luci, a ballare per sentirsi al sicuro ...



E cosi io vi ho raccontato delle cose che immagino io su di questo giorno che per me e sempre stata una festa, visto che nemmeno i comunisti sono riusciti a vincerla mai. Pur essendo cosi potenti... la gente lasciava il lavoro ogni 1 novembre e se ne andava nei cimiteri a mettere delle candele e fiori sulle tombe di quelli amati che non c'erano piu e per dire una preghiera...vietata in quei anni. E per una notte interra, la citta del silenzio diventava un posto delle luci che potevi vedere da lontano. Una collina in fiamme calde e timide che insieme facevano sembrare che la collina fosse una stella enorme, ancora lucicante, caduta sulla terra.



E ogni tanto che passo di lato a questo angelo nella serata di 1 novembre mi ricordo una nonna che con la voce calda e tremando, recitava: "Angioletto mio, custode caro mandato di Dio, io sono piccolo tu fammi grande, io sono debole tu fammi potente e del male protteggimi".  
E ricordando questo ambiente, e pur perche dovevo fare una torta
per il compleanno di un conoscente che e nato un po prima di Halloween o della festa degli annoiati santi... ho fatto la torta della strega cosi come la vedete. Provatela anche voi...e bellissima, dolcissima e puo nutrire un villaggio intero se bisogna.





Ingredienti:
L'impasto 1:
8 uova
16 cucchiai di zucchero
8 cucchiai di farina
3 cucchiai di cacao
2 cucchiai di rhum
1 bustina lievito polvere
1 bustina zucchero vanigliato

L'impasto 2 - torta zucca:
4 uova
8 cucchiai di zucchero
4 cucchiai di zucca grattuggiata
1 cucchiaino di cannella
5 cucchiai di farina
3 cucchiai di cacao
1 bustina di lievito in polvere

Per la crema:
1,2 l panna da montare
3 uova
50 gr zucchero
100 gr cioccolato bianco
100 ml latte
50 gr amido

Per i grissini di cioccolato:
600 gr biscottini semplici
400 gr cioccolato fondente
250 ml acqua
100 gr zucchero
100 gr burro

Per coprire la zucca - 200 gr pasta di zucchero

Come si fa?
1. Prepara una teglia 65x40 cm. Sbatte 4 albumi a schiume, aggiungi lo zucchero e sbatte bene di nuovo. Aggiungi il rhum, i tuorli poi lo zucchero vanigliato e il lievito in polvere. Mix e poi aggiungi la farina e il cacao e mix di nuovo. Fai cuocere e ripetti lo stesso con gli altri 4 uova rimasti per il primo impasto. Appena i 2 impasti sono cotti e sono poi raggiunti alla temperatura della stanza gli tagli a meta per ottenere 4 fogli quadrati d'impasti. Lascia a parte alla temperatura della stanza.
2. Per la torta-zucca: sbatte gli albumi, aggiungi lo zucchero eppoi la zucca e gli tuorli. Mix tutti gli ingredienti secchi cioe la farina, la cannella, cacao e la polvere per lievitare e aggiungi all'impasto di albumi e metti in una stampa per pandoro "trattata" prima con un po di burro e spolverata bene con farina per non attacarsi l'impasto alla teglia. Appena cotto e raffreddato l'impasto, con un cucchiaio prendi fuori dall'interno dell'impasto, e lascia alle margine 3 cm. Dentro metterai la crema.
3. Metti su bagno maria il latte e il cioccolato bianco. Appena si e sciolto il cioccolato, aggiungi lo zucchero, i tuorli e l'amido. Mix e lascia a bollire su bagno maria finche diventa una crema consistente. Alla fine, dopo che e fatta e raffredatta aggiungi gli albumi sbattuti a schiume. Nella panna montata aggiungi la crema di uova e cioccolato. Metti nel frigorifero.
4. Per i grissini di cioccolato: trasforma i biscottini in polvere. Metti su bagno maria il cioccolato, l'acqua, il cioccolato, lo zucchero e lascia a bollire finche diventa un sciroppo non molto consistente. Aggiungi il burro e dopo che si e sciolto metti tutto nella "farina" di biscotti. Mix bene. Ti deve risultare un impasto molle. Mettilo nel frigo e lascialo finche s'indurrisce.
5. Riempe con crema l'impasto cotto nella forma di pandoro il cui interno l'hai svuotato e metti nel frigorifero. Inzuppa l'impasto  con un po di alchermes o liqueur di cioccolato se ti piace e riempe con la crema. Lascia nel frigorifero per almeno 30 minuti.
6. Sulla torta quadrada, metti la torta a forma di zucca, cotta nella teglia di pandoro. Dalla pasta di zucchero che la stendi in una foglia non piu grossa di 0,3 mm taglia fascie di circa 4-5 cm e copri la zucca. Una volta "vestita" la zucca, copre di cioccolato l'altra parte di torta di sopra e di latto metti grissini di cioccolato che lavori con le mani dall'impasto di biscotti e cioccolato. Lascia tutto nel frigorifero per almeno 1 ora. Aggiungi le decorazioni come senti e ti piace.



Buon appetito!
read more...

miercuri, 28 octombrie 2009

Vieni nel mondo delle fiabe

Lumachino si continua l'avventura. Prendi il tuo bambino e venite anche voi nel mondo della fiaba, accanto a questo personaggio.

Create your own banner at mybannermaker.com!
Make your own banner at MyBannerMaker.com!


http://fiabette.blogspot.com/2009/10/nel-paese-dellinverno.html

Buon divertimento!
read more...

luni, 26 octombrie 2009

Petto di pollo ripieno di prugne - Fantasia d'autunno

Autunno con arome di prugne, mele cotte e nebbia cosi consistente com'e la panna tanto aromata che ti senti a metterla sul pane e darla un morso pieno di voglia. Adoro l'autunno! Con i suoi colori, con la sua poesia, con la sua anima calda e dolce. Vorrei essere autunno ricco e dolce, fatta dalla mano di un Maestro per colorare il mondo come che sia il mio dipinto. Cosi fa anche l'autunno al di la di riempirci le case con gli aromi di frutti e legumi. Ma la amo di piu per l'uva che splende dappertutto senza risparmio, per il colore delle prugne che ti provocano alle lunghe notti accanto alla "silvoiza" bollente (una marmelatta unica in Europa, un prodotto tipico Transilvano). La charmante marmellata con aroma di fiabe e indovinelli, con odore di musto che mescolandosi con gli aromi delle prugne diventate marmellata ti fanno addormentare.
Benvenuto infanzia, perche l'autunno e il tuo stagione. Con voglia di giocare, l'elegante donna della natura ti invita a giocare anche tu. Almeno nella cucina se hai perso il piacere di collezionare foglie in colori e tante forme diverse, se hai perso il senso dell'umore delle castagne che pur cadendoti in testa fanno un bel, consistente rumore. E se oggi ti lamenterebbi piu per un tale fatto invece di ridere di tutto cuore, forse sei invechiato troppo. Per l'amore di questo autunno cosi bello e scherzzoso io ho raccolto nel piatto tutto cio che amo di piu: l'uva e le prugne che ho nascosto al petto di un pollo innocente il cui l'ho fatto re su una salsa di prugne dolciastra e un po di riso ciccioto che balla cosi per divertirsi con qualche chicchi di piselli. Giocate anche voi. Il sapore e stupendo, il piatto bellissimo e la ricetta e creativa. Io l'ho imparata a Lugoj (Transilvania/Romania). L'ho cambiata per essere piu come me e cosi e diventata una ricetta mia.
E se vi ho parlato di Lugoj. Un po di tempo fa ho attraversato questa piccola citta, un pezzo di Transilvania con una storia cosi speciale che la gente pure se l'ha dimenticata. Amo questa piccola citta in cui i tedeschi e i romeni si guardano dalle due righe del fiume Timis. Perche qui sono stati divisi cosi i posti. I tedeschi sulla riga sinistra, i romeni sulla riga destra del fiume. Hanno costruito ponti tra di loro e tutti hanno chiamato la citta: Lugoj. Una volta e stata una delle principale cittadelle fortificate dalla Transilvania. Ora e rimasto solo il silenzio con cui il fiume scende pigro tra le case. Pero, negli 1848, in agosto e stata l'ultima sedia del governo revoluzionario ungherese da Budapesta. Kossuth si e nascosto qui provando a scappar via verso gli ottomani, sperando che la sara al sicuro.
Lugoj ha portato la fama della Transilvania in tutto il mondo. Qui e stato nato Bela Lugosi, l'attore che ha datto l'immagine piu potente di Dracula nel cinema e ha costruito cosi il piu forte brand della Romania. Un po furfante e fifone dopo come dice la storia, la stessa storia che non l'ha mai perdonato per aversi presentato da solo di essere il piu importante attore del teatro ungherese di tutti timpi. Béla Ferenc Dezső Blaskó com'era il suo vero none e stato nato  a Lugoj a 20 ottobre 1882 nella famiglia di un capo di banca. Orgoglioso e senza amare troppo lo studio, Bela abbandona la scuola all'eta di 12 anni e si dedica all'attoria. Ha avuto qualche ruoli piccoli nei teatri locali poi si e affermato a Budapesta. Nella prima Guerra Mondiale e stato ferito e per questo ha ricevuto una medaglia dall'armata austriaca. Pero l'attivista politico che era ha dovuto lasciare i suoi posti poco dopo per le sue scelte politiche e si e rifugiato in America. Per le sue credenze politiche si e abbandonato anche la moglie, divorziando a solo 3 anni dopo il matrimonio. E morto a Los Angeles, a l'eta di 70 anni nel suo letto dopo che ha costruito in tutto il mondo il mito di Dracula, il demonio della Transilvania.  



Ingredienti:
500 gr petto di pollo
500 gr prugne
200 gr chicchi d'uva Merlot
300 ml vino rosso
3 cucchiai zucchero
1 cucchiaio succo di limone
1 cucchiaino di cannellalingurita scortisoara
100 gr parmiggiano
100 ml olio d'oliva o di palma
100 ml acqua
3-4 chiodi di garofano
2 cani de riso
100 gr chicchi di piselli



Come si fa?
1.  Tagli il petto di pollo in fette abbastanza grosse che poi sbatti un po come per snitzel. Metti su un po di sale e di pepe bianco (se hai).
2. Su ogni fetta di carne, metti una fettina di parmiggiano, 1/2 di frutti di prugne in cui hai nascosto prima 2-3 chicchi d'uva. Fa un piccolo rottolo di carne che chiudi con un stuzzicadente. Sopra la carne metti un po di paprika dolce oppure chilli. Aggiungi l'acqua e l'olio e lascia nel forno finche la carne e gia fatta.
3. In una pentola metti circa 300 gr di prugne tagliate in quadratini, aggiungi il vino rosso e il succo di limone e fai bollire. Appena bolle aggiungi lo zucchero, i chiodi di garofano e la cannella e lascia a bollire finche la salsa prende un po di consistenza. 
4. Lava bene il riso in acqua fredda, aggiungi i chicchi di piselli, metti abbastanza acqua per coprire bene il riso e aggiungi un po di sale. Copri con foglie d'alluminium e lascia nel forno per circa 30 min finche il riso assorbe tutta l'acqua. 
5. Metti in tavola la carne accanto la salsa e il riso. Puoi decorare come ti va. 


Buon appetito!
read more...

vineri, 23 octombrie 2009

Kremesh viziato - Il dolce sapore di Debrecen, Ungheria


Ogni volta che attraverso la citta Debrecen (Ungheria) non posso di non fare una pausa per ricordare. 20 anni fa passavo per la prima volta la frontiera romena e andavo a zonzo per l'Ungheria. Luci, negozi belli e pieni, macchine come non avevo visto prima, prodotti che non potevo prima immaginare mai. Ero solo una adolescente che avrebbe fatto di tutto solo per non ritornarsi nella grigia Romania con strade rotte e negozi ancora brutti. Ungheria e diventata un modello senza volerlo in quei primi mesi dopo la revoluzione degli 1989. Poi, modello e diventata Austria. E con ogni passo che facevo per scoprire l'universo d'intorno e che mi e stato rifiutato come conoscere prima, scoprivo tante cose che imparavo con una fame di spirito incredibile!





E dopo tanti anni, ora che passo per l'Ungheria mi ricordo cosi bene che accanto a questa gente ho imparato i primi lezioni di economia libera: "quaderni per cibi", "lingerie per piatti", oppure "forint (la monetta nazionale ungherese) per lei (la monetta nazionale romena)". Nelle piazzette di Debrecen, Bekescsaba oppure Budapesta stavo per un caffe in un freddo invernale e accanto mi stavano alcuni pollacchi. Poveri e disperati, in una crisi economica profonda da cui sembrava che non ce la faranno ad uscire mai. Io ancora una bimba, loro giovani adulti. Sopravivvevamo in questa Europa di Est dove il scambio diretto ci faceva piu vicini.




In quiei giorni affamata e ancora scioccata di tutto cio che vedevo non trovavo piu il tempo per ammirare. Ero in una bellissima citta che per 2 volte nella sua lunga storia e stata la Capitale dell'Ungheria. La citta di  Debrecen appare per la prima volta nella storia intorno agli 1300 quando i cittadini ricevono il diritto di amministrarsi nel senso di scegliersi i giudici e i rappresentanti. Poi, nel siecolo XVI e diventata una delle piu importante piazze dell'Ungheria. E diventata una piazza enorme e molto importante dell'Europa di Est in quei anni disperati - 1990. A Debrecen potevi sentire parlandosi in ungherese, romeno, pollacco, slovaca, serba oppure russo. Gli ex-comunisti si conoscevano tra di loro e si scoprivano con stupore. C'erano! E avevano un passato comune, pero un passato che non volevano piu a condividerlo. L'avevano vissuto ormai!


In questi ultimi giorni sono tornata a Debrecen. Per un concerto pero. Ho ammirato la citta di nuovo. Anche se sembra una citta storica, vecchia, e purtroppo una citta nuova. La battaglia di Derecen negli 1944 e stata una delle piu dure della guerra. La citta e stata distrutta per 70%. L'hanno ricostruita tutta. E vero, gli ungheresi l'hanno ricostruita in un comunismo di veluto, non tanto brutale com'e stato il comunismo in Romania.


E sapete una cosa? La storia ha il senso dell'umore! Uno dei piu importanti principi di Debrecen e dell'Ungheria la cui statua la potete vedere pure in questa citta e il romeno/transilvano Stefan Bocskay, nato a Cluj, la cui storia ve la raccontero pero un'altra volta. In questi giorni, girando per le strade belle di Debrecen mi sono ricordata l'aroma del primo pane vero che avevo mai visto 20 anni fa. Lo guardavo e non avevo il corraggio di romperlo. Era troppo bello! Bello, grande, morbido, aromato... una meraviglia dorata. Una vetrina piu in la c'era pieno di luci un dolce ungherese: il kremesh. E appena sono ritornata a casa da questo viaggio ho creato un kremesh mio, tutto viziato, per tutti i giorni dolci che una vita possa contenere. Non sono riuscita pero ad assaggiarlo. Spero pero che i miei amici si sono sentiti viziati abbastanza nel mangiarsi il dolce kremesh transilvano-ungherese.




Ingredienti:
800 gr impasto mille foglie
5 uova
3 l latte
3  bustine budino di vaniglia dalla marca Dr. Oetker (se c'e, se no potete usare ogni polvere per fare budino di vaniglia)
50 gr amido
250 gr zucchero
1 cucchiaio caffe espresso
20 ml essenta di rhum
10 ml essenza di mandorle
20 gr gelatina
600 ml panna da montare
150 gr cioccolata nero (75% cacao)
80 gr cioccolato bianco
chicchi di caffe

Come si fa?
1.  Dall'impasto mille foglie fai cuocere 5 foglie. Lasciale raffredarsi alla temperatura della stanza.
2. Nel fratempo mix i tuorli di uova, con lo zucchero, la polvere di budino di vaniglia, l'amido, il caffe e il latte aggiunto poco a poco. Metti a fuoco per bollire e mix di continuo finche ti risulta una crema dura. Aggiungi le essenze poi metti la crema a parte e lasciala a fraffredarsi. Quando e fresca, aggiungi gli albumi sbattuti a schiume e la gelatina combinata prima con 2 cucchiai d'acqua fresca e sciolta in bagno maria. Lasciala nel frigo per lo meno 15 min.
3. Sbatte la panna da montare e aggiungi qualche cucchiai di liqueur-crema di whisky.Inizia a costruire il dolce cosi: sulla prima foglia d'impasto metti 1/2 dalla crema di uova e vaniglia, copri con un'altra parte dell'impasto cotto e metti 1/2 dalla panna montata, e cosi via. Sopra il dolce metti il cioccolato nero fuso in bagno maria. Lasci ad arrivare alla temperatura della stanza eppoi per 30 min nel frigo.
4. Fai sciogliere il cioccolato bianco in bagno maria con 1 cucchiaio di panna da montare liquida. Disegna con questo cioccolato bianco diverse forme sul dolce. Puoi usare un cucchiaio pero ti devi muovere velocemente. Non puoi far sciogliere il cioccolato bianco 2 volte. Si rovina. Puoi decorare con chicchi di caffe che hai fatto coprire prima con cioccolato fuso. 




Buon appetito!
read more...

joi, 15 octombrie 2009

Ricetta di successo




Troppo spesso ci chiediamo come trovare il successo. Secondo il modello americano tanto difusso nel nostro mondo essere una persona di successo significa di avere in possessioni fama, beni, immagine - cioe essere un prodotto marketing 100%. Attraverso queste cose raramente si puo indovinare chie e difatti la persona.

Per me Al Martino e stato un illegalista. Nel senso che il suo "Volare" e riuscita a spargere il muro comunista e di arrivare fin nella casa mia con una piccola attrezzatura di radio che alcuni turisti polacchi me l'avevano datta in uno dei viaggi che faccevo con mio papa nel mio paese. Non conoscevo l'italiano. Ma sapevo che "volare" vuol dire "volo" e volare via era anche il mio sogno. Per molti anni questa canzone sentita per solo 2 volte nel comunismo mi ha accompagnato senza sapere che chi lo canta e Al Martino. Mi rimaneva vicina per dirmi che il volo non e impossibile anche se vivi in una gabbia, in un prigione com'era la Romania di quei tempi. E questa voce e canzone mi sono rimaste come un punto di riferimento nella vita anche dopo la caduta del comunismo.

Al Cini (Martino) e iniziato a cantare dopo che e stato ferito nella seconda Guerra Mondiale ed e rimasto ... italiano anche se viveva in America. Credo che per la maggior parte chi sente la sua voce sarebbe impossibile a vederlo da americano. E almeno nel mio caso ha aggiunto con la sua canzone un elemento molto forte nella ricetta del mio successo personale: il volo.



Ricetta di succeso per 24 ore
Ingredienti:

100 g decisione
100 gr anima
70 gr sogno
90 gr volo
100 gr corraggio

Come si fa?
1. Decidi che nella vita vorresti davvero vivere bene e che farai tutto cio che dipende da te per arrivare in quel punto dove credi che sarai felice.
2. Immagina con la tua anima e tutto il tuo essere com'e il tuo "vivere bene", metti tutti i dettagli e scrivi da qualche parte. Torna a questo  punto ogni tanto che rischi a dimenticarti cosa vuoi.
3. Permettiti a sognare agli occhi apperti, ad immaginare per poi aggiungere il corraggio di ritrovare la speranza, cioe il volo che ti fara compiarti i desideri.
4. E se ti va, puoi decorare la torta della tua giornata e vita nell'ascoltare la canzone di Al Martino e se ancora non puoi volare da solo per vari motivi, vola con la sua voce attraverso la sua canzone. :)
Buon viaggio nella vita! :)
read more...

luni, 12 octombrie 2009

Fantasia dolce di Halloween con zucca, ovviamente

 


Ieri ho provato per la prima volta una maschera di fantasma. E sono riuscita a far paura solo al rastello con giocattoli di Halloween da Kaufland. Tremavano tutte le bevande con molti gradi pero non sono riuscita a rendermi conto se tremano per paura o per la forza dell'alcol contenuto. E in tutta questa euforia autunnale piu o meno piena di spaventi, cosi come per il giorno di tutte le streghe che si avvicina sono tornata a casa per fare un dolcetto il cui protagonista sia il nido della luce occidentale di Halloween: la zucca.

Delle streghe mi fermo e non dico nulla. Buone o meno buone e piu importante il loro potere di farci credere nel bene o il male supreme, adatto ad ognuno di noi. Forse le streghe sono solo quelle ragazze cattive che arrivano dove vogliono. E gia la fantasia mi porta per scrivere delle fiabe. Alle mie fiabe dedico questa faccenda ispirata dal Haloween americano e a tutte voi che ancora avete il corraggio di essere bambine.



Ingredienti:
  • Pentru l'impasto:
  • 5 uova
  • 100 gr cioccolato
  • 200 ml latte
  • 100 gr zucchero
  • 80 gr burro
  • 200 gr farina
  • 100 gr nocciole
  • 4 cucchiai de zucca trittata
  • 1 cucchiaini essenza di arancie
  • 1 cucchiaini essenza di mandorle
  • 1bustina polvere per lievitare
  • Per la crema:
  • 500 ml panna da montare
  • intorno a 200 gr puree di zucca cotta nel forno
  • intorno a 100 ml liqueur-crema di whisky
  • 1cucchiaio essenza di rhum
Come si fa?
1. Mettete a bagno maria il cioccolato, il burro e  mescolate finche si sciogliono. Poi aggiungete il latte, il turoli, zucchero e mescolate din nuova finche vi risulta una salsa consistente. Mettete a parte e aggiungete le noci trittate, le essenze e la zucca trittata. Mix tutto. Alla fine aggiungete il polvere per lievitare, gli albumi fatti schiume e mix dolcemente. Mettete al forno per intorno a 20 min.
2. Sbattete la panna e una volta consistente aggiungete il purre di zucca. Mix, poi mettete il liqueur-crema e mix di nuovo finche ottenete una crema morbida. Poi aggiungete l'essenza di rhum e qualche sultanine se vi piacciono. Mettete la crema sull'impasto cotto e lasciate nel frigo per almeno 1 ora.
3. Decorate con cioccolato trittato, o a piacimento.
read more...

joi, 8 octombrie 2009

Torta con trouffle di cioccolato, merenghe e lemon curd - A te Herta Muller (vincitore del premio Nobel per letteratura 2009)





Fin dal primo incontro con le lettere ho amato la scrittura e ho ammirato senza eccezioni tutti coloro che attraverso la storia umana sono riusciti a trasformare la parola in lettera e le lettere in arte. Oggi normalmente non avrei fatto qui nessun post. Pero ho notato che una romena ha vinto il Nobel per letteratura e non posso di non essere contenta, di non ammirarla, di non desiderare a far il mio meglio pur seguindo questo modello umano. Il suo successo e un modello per ognuno che vuol credere nel futuro e ha abbastanza corraggio per cambiare il presente.

La torta che vedete nella foto l'ho fatta per una delle mie care amiche, per il suo compleanno che e stato festeggiato qualche settimane fa. Anche lei, condivide lo stesso amore per la scrittura. Le dicevo prima del suo compleanno: "cara, vorrei fare una torta come te". Ed e uscita una torta consistente e dolce. Ma lei e cosi, consistente e dolce, cioe non mi sono sbagliata! :)


La romena di sangue tedesco, Herta Muller
la vincitrice del Nobel per letteratura 2009



Herta Muller e nata in Transilvania, in Banat, in una famiglia di fermieri "schwaben" (la minorita tedesca dalla Transilvania e chiamata cosi). Il padre di Herta e stato uno dei militari di Waffen SS nella seconda Guerra Mondiale. Lei e immigrata in Germania negli 1987, paese in cui ha vinto molti premi letterari. Aveva studiato nella Romania, in Timisoara nella Facolta di Filologia, ed e stato uno dei piu acidi disidenti anti-Ceausescu. Per questa attitudine civica nella Romania comunista ha sofferto moltissimo ed e stata quasi espulsa negli '89. E rimasta qui senza il suo posto di lavoro, e i comunisti l'hanno obbligata a fare i lavori piu umilianti e con gli stipendi piu bassi con la speranza che la fermeranno la bocca e distruggeranno la sua attitudine e voce. Ma e scappata! Appena arrivata a Munchen e stata prima che, nella stampa, in "Die Zeit" ha urlato con tutto il suo orrore: "Ceausescu e un idiota!" e con questo suo urlo e riuscita a far l'Occidente ad aprire gli occhi per vedere la drama che i romeni vivevano ogni giorno. La storia di questa drama vissuta fin al sangue di un intero popolo, la scrittura come un pugno nello stomaco di ogni sistema totalitarista di ogni tipo le ha portato a Herta il premio Nobel per letteratura. Complimenti Herta! Rimani come sempre un buon esempio per noi!



Ingredienti:
5 uova
9 cucchiai di zucchero
5 cucchiai farina
1 bustina zucchero vanigliato
1 bustina polvere lievitare
2 cucchiai rhum

Per la crema
600 ml panna da montare non-zuccherata

Per la merenghe
6 albumi
16 cucchiai zucchero

Per la cremina lemon curd
200 gr zucchero
2 cucchiai amido
3 cucchiai scorza di limone
6 cucchiai succo di limone
6 cucchiai acqua
6 turoli
150 gr margarina o burro

1. Prepara l'impasto cosi: sbatte gli albumi a schime, aggiungi il rhum poi poco a poco anche il zucchero. Poi aggiungi i tourli e mix con delicatezza. Poi aggiungi la polvere per lievitare, il zucchero vanigliato e la farina. Metti nel forno per 25 min.
2. Prepara il lemon curd cosi: Mix il zucchero con l'amido. Aggiungi la scorza di limone, il succo di limone e l'acqua e metti a bollire finche vedi che lo sciroppo fa sopra piccole palline d'aria. Metti il vaso a parte. Prenti meta di questo sciroppo e mix coi tuorli eppoi aggiungi tutto nello sciroppo. Metti di nuovo a bollire e appena inizia a bollire copri con un piatto di porcellano e fa bollire per ancora 2 min. Tira fuori dal fuoco il vaso poi e aggiungi il burro. Mix finche il burro si scioglie nella crema. Lascia a raffreddarsi coperta con una foglia di plastica per almeno 1 ora.
3. Il merenghe: Sbatte gli albumi a schime poi aggungi lo zucchero e sbatti bene. Fai cuocere questa merenghe nella stampa dove hai cotto l'impasto.
4. Fai la torta: Mix la panna montata con la cremina lemon curd pero non tanto. Le due creme non devono essere incorporate completamente. Dividi l'impasto di torta in due e se non ti va una torta piu dolce metti succo di limone in un liqueur di whisky e inzuppa la torta. Poi metti sopra 1/2 dalla crema di panna e lemon curd, copri con l'impasto cotto di merenghe e di sopra metti il resto di panna. Copri tutto con l'altro impasto della torta e con cioccolato e panna fuori. Puoi decorare a piaciemnto.

Segretti: Io ho messo sopra trouffle di cioccolato che ho modellato in quadrati o palline che poi ho coperto con pasta di zucchero e le ho leggate con un ribbon non comestibile. La ricetta di trouffle di cioccolato ve la daro in uno post futuro sul blog.

Buon appetito!
read more...

miercuri, 7 octombrie 2009

Passione in cucina - Patatine "orgogliose"




Credo che avere un blog significa molto in piu di avere o no dei commenti su quello che fai solo tu piu o meno ispirata dagli altri. Credo che avere un blog e anche la gioia di aprire la porta e presentare i talenti degli altri, il loro corraggio, idee, bravura. Almeno il mio blog sara sempre cosi, un posto apperto per tutti coloro che hanno il corraggio di essere diversi. E penso che vi sono abbituati gia nel presentarvi gente che fa cose diverse, ha costruito un mondo intorno a loro, romeni o altro. Ammiro questa gente di ogni etnia che pur amando i prossimi, usa i suoi talenti per far un mondo migliore.

Questa volta vi parlero di due giovani simpaticissimi, talentati e molto bravi. Uno e romeno, l'altro e americano venuto qui nella mia citta per dare una mano a tutte le fattorie bio appena create. Si sta occupando dei voluntari romeni, americani, inglesi che vogliono aiutare, imparare, capire cosa vuol dire una fattoria bio. Questi voluntari lavorano insieme per settimane o mesi alle volte. Alle volte pur non parlando una lingua comune arrivano a capirsi senza parole. E vivere questa sensazione che i popoli possono condividere la vita, i posti, possono lavorare e creare delle belle cose insieme anche senza poter parlarsi per parole, questa e una sensazione bellissima.


Tudor Bradatean e l'americano Ed Klauning due giovani diventati amici
intorno ad un lavoro di voluntari riuniti sul segno "bio" nella Romania

Il giovane romeno, Tudor, quello che sta alla sinistra di fronte nella foto ha apperto il primo negozio di prodotti bio qui e insieme al americano hanno iniziato un proggetto di "cucina bio" in uno piccolo pub molto popolare nella mia citta, dove fin da poco i giovani solo potevano servire delle bevande alcoliche senza poter mangiare qualcosa. Cosi e nato il loro progetto e questa e una delle loro buonissime ricette. Hanno avuto l'idea che pure perche i clienti del pub "Insomnia" della mia citta sono cosi giovani tutti, allora i cibi devono essere pronti subito, e dare la possibilita di essere serviti in un unico morso. La ricetta l'ho imparata da loro, l'ho fatto anch'io in casa e accanto alla loro storia ve la servo. Puo andare benissimo da antipasto oppure per una cena semplice ma romantica fra gli amici o in famiglia.

Patatine bio, con formaggio bio, rosmarino, prezzemolo,
un pochino di
parmiggiano "invecchiato" e alla fine un sapore
che ti porta dietro
nella casa dei nonni dove il bicchiere
con latte fresco, con panna
e burro fatto in casa,
tutte ti invitano a crescere grande e forte.


Ingredienti:
5 patatine non molto grandi
4 cucchiai di pezzi di feta salata
1-2 cucchiai di yogurt bio con alemno 3% grasso
sale, rosmarino, prezzemolo, un pochino di aglio - tutte queste a piacimento

Come si fa?
1. Lavate le patatine e metetele al forno per cuocersi. Appena cotte, tagliatele a meta e prendete fuori con un cucchiaino un po dell'interno delle patate pero guardando un lato di 0,5 mm.
2. Mix l'interno delle patate con i pezzi di feta, un pochino di rosmarino, il prezemollo, l'aglio, il sale e lo yogurt e riempite le meta di patate con questo mix. Di sopra mettete un po di formaggio invecchiato si vi piace.
3. Metete di nuovo al forno e cuocete finche sopra si fa una copertura deliziosa e giallastra. Servite con accanto un pochino di peperoncini cotti, puliti mischiati con un po di olio d'olive e sale a piacimento.

Buon appetito!
read more...

luni, 5 octombrie 2009

Fantasia di cioccolato - Auguri Mamma!


Mamma e la donna che ci ha dato la vita. Che secca definizione di dizionario! Se la mamma non metterebbe anche spirito e amore, sorriso, se non multiplicherebbe lei tutto trasformandoci in uomini cosa sarebbe lei altro che un essere qualsiasi? Pero e unica. E prima di tutto e la Donna! La donna ha ricevuto un grandissimo donno da questo Universo: multiplica tutto. Se dai a una donna un pezzettino di te stesso ti dara fra un po un bambino, se le dai un sorriso, ti dara un cuore, se le dai un cuore, lei ti dara un camino, pero se le dai dei guai ti ritornera un inferno.

A mia mamma le piacciono tutte le cose a superlativo. E stato il suo compleanno e sapendo quanto ama il cioccolato, la crema fina e i frutti e tutto cio che e bello nel mondo, le ho creato questa torta. Mi sono desiderata di fare una torta stile art nouveau, pero e uscita un po un'altra cosa. Ma ogni piccolissima cosa di questa torta e la mia creazione cosi come alla fine io sono anche la sua creazione ugualmente in quasi ogni dettaglio. Mi e uscito un gioco di cioccolato bianco e nero, di fantasia e piacere. Sigarette di cioccolato, rose fatte di pasta di zucchero e molto, molto cuore messo in ogni cosuccia fatta che si vede. Penso che ognuno di voi farebbe lo stesso, no? :)


Ingredienti:
Per l'impasto 1:
100 gr cioccolato 50% cacao
100 gr burro
100 ml latte
5 uova
7 cucchiai grandi pieni di farina
1 bustina di zucchero vanigliato
1 bustina di polvere per lievitare
35 ml rhum

Per l'impasto 2:
150 gr cioccolato 50% cacao
100 gr burro
100 ml latte
7 uova
9 cucchiai pieni di faina
1 bustina di zucchero vanigliato
1 bustina di polvere per lievitare
50 ml rhum

Per la crema
1 ananas fresco de 500 gr
150 gr coco grattuggiato
800 ml panna da montare
2 uova
300 ml latte
50 gr amido
200 gr cioccolato bianco
100 gr burro

Per lo sciroppo:
500 ml vino bianco Sauvigon Blanc
7 chiodi di garofano
un pezzo di vaniglia fresca
Per la copertura di cioccolato e per le sigarette di cioccolato:
500 gr cioccolato a minimo 35% cacao

2 stampe per torte in diametro di 28 cm e 22 cm

Come si fa?
1. Il modo di fare sia l'impasto uno che l'impasto 2 e lo stesso. Cioe, mettete sul bain-marie il burro, il latte e il cioccolato. Appena si sono sciolte il burro e il cioccolato aggiungette i tuorli d'uova, mix velocemente e mettete a parte. Dopo si e raffredatto un po, aggiungete il rhum, la polvere per lievitare e la vaniglia, gli albumi sbattuti a schiume. Mix per un po, eppoi aggiungete anche la farina. L'impasto deve essere come una panna piu consistente. Mix e mettete a cuocere nel forno riscaldato gia.
2. Mettete a bagno-maria il burro e il cioccolato bianco per la crema. Appena si sono sciolti aggiungete il latte in cui avete messo l'amido. Poi aggiungette anche i tuorli e il coco. Fatte bollire finche ottente una crema consistente. Mettete poi a parte e appena raffredatta aggiungete gli albumi sbattuti a schiume. Sbattete a schiume anche la panna da montare poi nella panna aggiungette poco a poco la crema bollita.
3. Dividete in 2 gli impasti e bagnate la prima parte con lo sciroppo di vino che prima avete bollito con gli aromi. Sopra l'impasto mettete fettine di ananas, poi sopra aggiungete la crema. Coprite con l'altra parte dell'impasto e bagnate con lo sciroppo di nuovo. Continuate finche finite di costruire la torta. Mettete al frigo per lo meno 3 ore.
4. Nel fratempo fatte le sigarette di cioccolato cosi: prendette una foglia trasparente per PC e tagliatela in pezzi di 7x3 cm. Spalmate su un po di cioccolato fuso poi unite al lungo la foglia. Oppure potete provare a fare come fanno in questo video:http://www.youtube.com/watch?v=cb69Nia8wPo
5. Dalla pasta di zucchero fatte rose. In uno dei giorni seguenti vi raccontero come si fa la pasta di zucchero e come potete fare delle rose. Decorate a piacimento e usando i materiali che vi piacciono. Io ho messo accanto al cioccolato e alla pasta di zucchero decorazioni che usano per fare i bouquet .
Buon appetito!
read more...

joi, 1 octombrie 2009

Fish Fingers - Regalo per un anniversario diverso




Tra un giorno e un altro c'e sempre un anno. Come mai? Semplice. Difatti chi puo contare davvero il tempo, chi lo puo mettere in una forma umana. I nostri orologi sono solo immagini delle nostre limitazioni, orgogli in cui crediamo che possiamo comprendere e contenere tutto quando difatti siamo solo compressi e contenuti, piccoli meccanismi in un sistema enorme: l'universo.

Una mia amica poco tempo fa si e celebrato l'anniversario. E ricordando i nostri bellissimi ani da studentesse ho fatto questi fish fingers (n.a. dita di pesce). Una bella cosa americana che troverette di sicuro congelata in ogni frigo degli ipermercati. Pero fatta in casa e stupenda, molto piu gustosa e si fa cosi semplice!





Ingredienti:
500 gr pangasius file, o di "pesce bianco"
125 gr pangrattato
2 cucchiai di parmiggiano gratuggiato
1 cucchiaio di prezzemolo fatto a pezzi
1/2 cucchiaino di paprika dolce
1/2 cucchiaino di finocchio fresco fatto a pezzi
1/4 cucchiaio di polvere di aglio
150 ml panna acida liquida
1 uova
100 gr farina
100 ml olio
pepe e sale a piacimento
4 foglie di impasto tipo strudel

Come si fa?
1. Taglia il file in pezzi di 2-3 cm grossi.
2. Mix il pangrattato con il sale, pepe, il parmiggiano, il prezzemolo, finocchio, la paprika, l'aglio e lascia a parte.
3. In un'altro vasoio mix l'uova con la panna.
4. I pezzi di pesce li devi coprire di farina, poi gli metti nello mix di uova con panna eppoi nel mix con il pangrattato poi li soffriggi nell'olio ben riscaldato prima.
5. Dall'impasto molto fino fa piccoli sacchetti in cui puoi mettere solo 2 "fingers". Metti tutto in una stampa coperta di foglia d'alluminnio eppoi rinforna per 5 min, finche l'impasto diventa un po rosso.
6. Si serve con "soy sauce" che troverette negli stand di cibi asiatici/cinesi e con riso bollito con accanto un po di sake (bevanda poco alcolica giapponese la cui ricetta ve la daro in uno dei giorni seguenti).

Buon appetito.
read more...

sâmbătă, 26 septembrie 2009

Alla riscoperta del mondo - Torta Savarin-Sorpresa






Una volta, stando con una amica mia, tra le risate le dicevo che posso capire la gioia di un compleanno: tutti festeggiano con allegria l'invecchiamento del festeggiato :P

La vita e tante volte piu del vivere quotidiano. E sorriso, diritto all'innocenza, diritto all'allegria che ci riscalda i cuori, e diritto all'essere come senti in ogni momento. Ci ricordiamo a festeggiare pero cosa festeggiamo?

Questa torta e stata fatta per il parente di una amica. A lui piacciono i dolci Savarin e cosi le ho inventato questa torta Savarin. E mentre la creavo, pensavo a tutto cio che vi dicevo un po prima.




Ingredienti:

7 uova
175 gr zucchero
120 gr pangratatto
75 gr farina
1 bustina di polvere per lievitare
50 ml rhum

Per la crema:
1200 ml panna da montare
500 gr uva

Sciroppo di vino nobile con mandorle:
200 gr zucchero
400 ml vino bianco Sauvignon Blanc
un pezzo di vaniglia
50 ml essenza di mandorle

Come si fa?
1. Sbatette gli albumi in schiume, aggiungete lo zucchero e sbatette finche diventa di nuovo una schiume consistente. Aggiungete la polvere per lievitare, il rhum e i turoli e mischiate gentilmente per mischiarsi tutte un po. Aggiungete il pangrattato e la farina e mix di nuovo finche ottenete un impasto morbido e forte. Mettete in forno per 20 minuti (dipende dal forno che avete).
2. Sbattete la panna da montare finche diventa una schiume consistente.
3. Mischiate lo zucchero col vino e con il pezzo di vaniglia e farlo bollire finche lo zucchero si e diluito. Alla fine aggiungete l'essenza di mandorle.
4. Tagliate la torta raffredata per la meta. Mettete 1/2 dallo sciroppo e coprite con i chicchi d'uva lavati poi coprite con la panna montata in schiume e coprite con l'altra parte dell'impasto. Bagnate la parte di sopra della torta con il resto 1/2 di scirppo. Lasciatelo nel refrigeratore per almeno 2 ore.

Segretti:
1. Portatelo in tavola solo un po prima di mangiarlo, il sapore e molto piu presente e rinfrescante.
2. Attente allo sciroppo di vino. Coprite con abbastanza panna la torta perche altrimenti in meno di 1 ora lo sciroppo di vino sta ossidando la panna e cosi che riceve un colore giallastro invece di rimanere bianca.
read more...

luni, 21 septembrie 2009

Concorsi per tutte le bravissime cuoche italiane :)


Girovagando tra i vostri blog e attraverso l'internet ho scoperto due concorsi che mi hanno attirato. Ad almeno uno non potro partecipare visto che non vivo in Italia, pero voi, cosi brave come siete potete farlo. Si vince un bel libro di cucina dai maestri chef. L'anuncio e il regolamento lo troverette qui: http://news.castellomalvezzi.eu/2009/09/07/vinci-una-copia-del-nostro-libro-di-cucina/#more-522








Questo e il secondo concorso per quelle creative, bravissime cuoche che siete. E organizzato dal blog Anice e Canella. Molto creativo e divertente questo concorso. Almeno lo trovo cosi.

Regolamento e informazioni qui: http://aniceecannella.blogspot.com/2009/09/giochino-dellautunno-io-vi-do-gli.html
read more...

vineri, 4 septembrie 2009

Pensando al bel paese




Quante cose puoi fare pur amando? In quanti vari modi puoi esprimere i sentimenti tuoi? Nel mio caso non saprei dirvi. Credo che dipende molto dalla creativita di ognuno, dell'intensita dei sentimenti...di tante piccole circostanze che fanno i grandi cambiamenti.

In questi giorni pensavo al bel paese cosi come lo faccio al solito. Mi e lontano e stranamente vivo piu la che dove per forza scorre la mia vita quotidiana. Il bel sole caldo e splendente, il calore ... e ovviamente la gente e la sua lingua che canta in ogni angolo che la senti. Un potpourri di sensazioni, emozioni, colori, immagini, profumi... Bel paese, mi manchi! Alla tua salute con un bicchiere preso dal cuore del tuo sole ... diverso! :)



Porzioni: piu di 6
Tempo di preparazione: 40 min

Ingredienti:
1 kg polpa di cocomero senza semi
400 gr melone
600 ml vino bianco prosecco
350 ml acqua
250 gr zucchero
1 pezzo di vaniglia
1 pizzico di chilli
1 cucchiaio di zenzero fresco gratuggiato
1 cucchiaio di semi di cardamom
1 cucchiaio di succo fresco di limone
1-2 lime
pezzi di ghiaccio

Come si fa?
1. metti la polpa di cocomero in un mixer di cucina e macinala fino poi mettila nel frigo per 30 min;
2. mix 350 ml acqua con 250 gr zucchero, aggiungi la vaniglia e i semi di cardamom e lascia bollire finche diventa uno sciroppo consistente; quando e fatto, aggiungi il zenzero e il succo di limone e lascia a bollire per non piu di un minuto; lascia a raffredarsi poi mischialo ben freddo col vino;
3. prendi bicchieri alti, metti la polpa di cocomero fino a 3/4 del bicchiere, aggiungi 2-3 pezzi di ghiaccio, 2-3 pezzi di melone arrotolati con un cucchiaino per melone, e alla fine aggiungi molto fino il succo aromato di vino.

Segreti:
1. il succo aromato di vino normalmente non si mischia con la polpa di cocomero se quando lo metti nel bicchiere, inclini questo bicchiere a 45 gradi e lo aggiungi con cura al lungo del vetro, molto fino e tranquillo; cosi in basso si forma un bel livello di succo di vino giallo, molto decorativo.

Buon appetito!




read more...

marți, 1 septembrie 2009

Frutti sorpresa





Alle volte la vita ci sorprende. E ci sorprende tanto che ci blocca. Se le sorprese pero sono belle ci riempono di energia positiva. Senno, cerchiamo quella bella energia positiva intorno a noi. E il verde e sempre il colore della vita, della voglia di giocare.

Un gioco verde, nel tuo piatto... perche no? Ne cocktail, ne macedonia, un po di ognuna di queste due. Prova! E scoprirai che la natura sa darti piu dell'energia positiva di questo Universo. Prova e vedrai che il verde, alle volte sa mettere delle ali e voli di nuovo. Chissa quante idee meravigliose si possono nascondere nella sorpresa della natura che sono sempre i suoi frutti?

Buon appetito!



Tempo per la preparazione: 40 min
Porzioni: piu di 6

Ingredienti:
  • 1 kg uva a chicchi piccoli, verdi e dolci
  • 4-5 frutti di kiwi
  • 1 conserva di ananas a pezzi
  • 250 ml vino bianco prossecco
  • 250 ml sciroppo preparato da 100 gr zucchero e 150 ml acqua in cui aggiungiamo chiodi di garofano e un pezzo di vaniglia fresca
  • 300 ml panna da montare
  • frutti e foglie di physallis per decorare
Come si fa?
  1. Lava i frutti e preparali come per una macedonia di frutta fresca;
  2. aggiungi i pezzi d'ananas, e guarda tutto lo sciroppo che ha la conserva;
  3. metti il vino sopra i frutti e lascia stare per 30 min;
  4. aggiungi lo sciroppo raffredato e lo scrioppo dalla conserva d'ananas;
  5. metti i frutti e il succo nelle coppe per la macedonia, e copri di panna montata e decora con frutti di physallis su cui puoi giocare un po, mettendo cioccolato fondente.
read more...

Giorno al sapore di premio


Betty mi ha regalato questo premio e la ringrazio tanto. In un periodo abbastanza difficile, essere ricordato e ricevere un premio per quello che provi ad offrire attraverso un blog e davvero bello. Grazie di cuore Betty. Dedico questo premio prima per te, eppoi a tutti quelli che leggono cio che riesco a mettere su :).

Pero lo regalo di piu a:

Armanda
Luca e Sabrina
Federica
Tania
Furfecchia
Didona
Annamaria
Milla

Sono contenta di avervi incontrato. Oguno di voi mi arrichisce attraverso il suo lavoro qui, nella blogosfera e anche nella vita al di la del mondo virtuale tramite le ricette che imparo da voi eppoi provo. Grazie. :)
read more...

joi, 27 august 2009

Eviva sono riuscita!


Non sono sparita. Al di la del solito lavoro, ho fatto uno in piu. Ho lavorato per fare quello che si puo vedere qui.

E un lavoro che mi fa felice. Spero che fara piacere anche agli altri, ai vostri bimbi, nipotini o amici. Ormai, se un bambino e piu contento giocando pure col mio lavoro, io sono felice.
read more...

luni, 17 august 2009

Amore per i nonni - Tradizione ungherese-latino con pasta




Mmmm, odore di caramel tentante, di un po di sole e di mare, di nonni e di rebellione contro stare seduta alla tavola quando c'e tanto da giocare con gli amici. Suona conosciuto? Questo era per me l'eterno penzollare tra: "Lacrimaaaaa, a tavola!" e "Di nuovoooo??? Ho appena finito di mangiare. Dai lasciami stare ancora un po a giocare. Solo un po!". Poi mi arrivava alle narice l'odore di cui vi raccontavo prima e com'era tra i pochi odori dolci che essistavano nella mia infanzia comunista, questo odore era irresistibile.

E quando arrivavo alle pentole, cosa trovavo? Null'altro che le paste con pangrattato caramellizzato, in cui "nuotavano" piccoli cristalli di zucchero crocante. E gia mi mancano i nonni, quei giorni perfetti in un mondo imperfetto anche se l'esistenza era torturata di diversi tipi di mancanze. Mi manca la mia palla eternamente rotta in cui mi entrava il piede completamente quando la correvo per giocare, e mi mancano i miei amici che si ficcavano i nasini tra la finestra aperta della mia stanza per tentarmi: "Mah, hai ancora molto da torturare quel violino, o vieni a giocare?".

Venite a giocare un po in cucina?
Porzioni: 4
Tempo in cucina: meno di 30 min

Ingredienti:
400 gr pasta
100 gr pangrattato
5-7 cucchiai di zucchero
un po di cannella, un po di scorza di lime

Modo di preparazione:
1. Fatte bollire la pasta "al dente".
2. In una pentolina mischiate a fuoco lento il zucchero e il pangrattato finche il pangrattato si cambia un pochino il colore e diventa piu scuro.
3. Mix il pangrattato caramellizzato con la pasta, aggiungette un po di cannella e scorza di lime a piacimento e portare in tavola subito.

Segreti:
1. Questa e una ricetta tradizionale della cucina ungherese dalla Transilvania; tradizionalmente non si aggiunge la cannella e la scorza di lime, pero se le mettete e un sapore migliorato (secondo me).

Buon appetito!

read more...

luni, 10 august 2009

Auguri a te, Vita! - Antipasti con sapore anniversario




Chi non ha mai sentito sulla propria pelle com'e di vivere la battuta: "sta attento che cosa ti desideri perche puo darsi che la vita te la compiera", non sa com'e di sentire il battito della propria anima all'incontro con la sua majesta La Vita.

Che Lei, La Vita ci ascolta, gioca, alle volte ci sgrida, altre volte gocciola desideri compiuti questa e gia una cosa provata.

E chi non e stato almeno per una volta nella sua esistenza un grande attore nel gioco della Vita?

In un giorno ho incontrato la tragedia, in un'altro mi sono desiderata serena che quel posto doloroso della mia anima e vita sia riempito. In un giorno dopo, molto dopo, quando gia avevo dimenticato cio che mi avevo desiderato, Lei ha sorriso, ha giocato un po e ho ricevuto cio che ho chiesto in un modo mai pensato. Cosi poco aspettato era quel modo in cui la vita mi ha fatto il regalo che anche oggi, dopo 10 anni quasi mi sto meravigliando della creativita della Vita.

Auguri a te, Vita!

E come ogni anniversario viene festeggiato con piatti splendidi, eccovi qua un antipasto anniversario.



Porzioni: per un piato
Tempo per preparare: in circa di 1 ora

Ingredienti:
  • 18 pomodori ciliegia
  • Insalata di melanzane
  • 200 grammi e salame piccante
  • 200 grammi di salsiccioni per birra
  • 12 panini "on the go"
  • 100 grammi di melone
  • 5 peperoni cotti al forno e marinati in una salsa di zucchero, sale, aceto balsamico e un po d'olio d'oliva
  • 100 gr di Feta
  • prezzemolo, paprica, papavero
Modo di preparare:
  1. Preparare un impasto da Panini "on-the-go", dopo la ricetta di questo blog, o acquistare rotoli pronti, a condizione che abbiano dimensioni medie e divideteli a metà, senza staccare i due pezzi del rotolo;
  2. crackizzati le salsiccie per la birra in quattro ad ogni estremità e metterli nel forno a microonde per 5 minunte alla potenza massima, o fritte in una padella con poco olio (sono pronti quando alle estremita si aprono in un tipo di fiore);
  3. Cuocete 5 peperoni in un forno ben riscaldato, metete sale sopra, pulire la pelle e metteteli nella marinata fatta dal sale, olio, zucchero e aceto balsamico a gusto; prendete fascie di peperoni e metteterle dentro i panini
  4. il formaggio tagliato a cubetti fattelo pasare tra paprika, papavero, o le verdure e attacatelo al panino assieme ad una oliva usando stuzzicadenti;
  5. i pomodorini Cherry le dovete lavare e tagliare poi svuotare e mettete dentro crema di formaggio o di melanzane;
  6. arrangiate il piatto coi rotoli riempiti, una fila di salsiccie di birra, una fila di fette di salame piccante coperte di pezzi di melone, una fila di pomodori ripieni messi tra le fette di salame e finite con una nuova linea di panini farciti, cosparsi di olive.
Segreti:
1. I peperoni marinati sono migliori se li lasciate nella marinata per almeno 4 ore;
2. il numero di pomodorini e di panini viene calcolato sapendo quante persone ci sarano a tavola pero non meno di 2 pomodorini/panini per ogni persona.

Buon appetito.


read more...